header - banner1
Home > Il Consolato Generale > Gli Uffici
PASSAPORTI

Normativa di riferimento: Legge n. 1185 del 21 novembre 1967 e successive modifiche.

Per richiedere il rilascio del passaporto è necessario presentarsi personalmente presso questo Consolato Generale (sito in c. Reconquista 572) nei seguenti orari: Lunedì, Martedì, Giovedì e Venerdì dalle ore 08.00 alle ore 11.00.
NON E’ NECESSARIO RICHIEDERE UN APPUNTAMENTO.
I residenti presso le circoscrizioni dei Vice Consolati Onorari o dell’Agenzia Consolare Onoraria potranno recarsi direttamente presso i locali degli Uffici Onorari nei corrispondenti orari di ricezione del pubblico.

INFORMAZIONI GENERALI

Il passaporto è un documento di viaggio e di identità ed è rilasciato dalle Questure in Italia e dai Consolati all’estero. L'Ufficio Passaporti del Consolato si occupa del rilascio dei passaporti dei cittadini italiani residenti nella circoscrizione, o dei non residenti (in quest’ultimo caso previa acquisizione agli atti del previsto nulla osta e delega da parte dell’Autorità italiana competente per residenza: Questura o altro Consolato).

Presupposto fondamentale per l’ottenimento del passaporto è una situazione anagrafica e di stato civile aggiornata . Si suggerisce pertanto di provvedere per tempo a segnalare ogni variazione.


Il passaporto elettronico

Il passaporto elettronico è dotato di particolari caratteristiche di stampa anticontraffazione e di un microprocessore che consente la registrazione dei dati, certificati elettronicamente, riguardanti il titolare del documento e l'Autorità che lo ha rilasciato.
Con questo tipo di passaporto non occorre munirsi di visto di ingresso per gli Stati Uniti d’America.

Per i titolari di passaporto rilasciato o rinnovato precedentemente alla data del 25 ottobre 2005, non è previsto l’obbligo di Visto per l’ingresso negli USA. Si consiglia tuttavia di contattare l’Ambasciata degli Stati Uniti per ulteriori informazioni prima di intraprendere il viaggio.
I titolari di passaporto non elettronico, rilasciato o rinnovato successivamente al 26 ottobre 2005 dovranno munirsi di visto per l’ingresso negli USA.
Si ricorda che i figli minori possono beneficiare del Visa Waiver Program solo se in possesso di un passaporto individuale (avente le suddette caratteristiche), non essendo accettata l’inscrizione sul passaporto dei genitori.

Per ulteriori informazioni sulle formalità richieste per l’ingresso in qualsiasi Paese si suggerisce, prima di intraprendere il viaggio, di contattare sempre le Rappresentanze Diplomatiche dei Paesi di destinazione.

Si informa che, in base a nuove disposizioni, entro il mese di giugno 2010 tutti i passaporti di nuova emissione dovranno contenere all’interno del microchip, oltre all’immagine del volto, anche le impronte digitali del titolare. 



COSTO E VALIDITÁ DEL PASSAPORTO

Il costo del rilascio del passaporto è di AR$ 482,00 (equivalenti a Euro 84.95) (clicca).
Il costo è comprensivo del costo del libretto (Euro 44,66, pari a AR$ 253,40) e della tassa annuale di concessione governativa (Euro 40,29, pari a AR$ 228,60).
La tassa viene pagata direttamente in Cassa negli orari e nei giorni di apertura al pubblico (lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 8.00 alle 11.00). Il pagamento deve essere effettuato esclusivamente in pesos argentini e in contanti. Il pagamento della tassa può essere effettuato anche da terza persona, non necessariamente dal titolare del passaporto.
Per gli anni successivi a quello del rilascio, la tassa è dovuta solo in caso di espatrio dall’Italia con destinazione per un Paese extracomunitario.
I passaporti hanno validità di 10 anni, e NON SONO RINNOVABILI. 


DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO

La documentazione sotto indicata deve essere prodotta in originale, accompagnata da una fotocopia semplice. Il Consolato si riserva comunque, dopo aver valutato ogni singolo caso, la facoltà di richiedere eventuale ulteriore documentazione che dovesse ritenere necessaria. 



Cittadini nati in Italia

  • ultimo passaporto italiano;
  •  D.N.I. per stranieri, rilasciato da non più di 10 anni, con indirizzo aggiornato;
  • (o in alternativa, per chi non possedesse DNI con le caratteristiche su descritte, “Cédula del Mercosur" in corso di validità, e con indirizzo aggiornato).
  •  2 fotografie uguali, formato tessera NON digitali, a colori, su fondo bianco, che ritraggano il viso di fronte, a media distanza e con l’arco sopraccigliare scoperto;
  •  eventuali atti di stato civile necessari ad aggiornare la posizione personale (vedi pagina stato civile).



Cittadini nati all’estero

  • ultimo passaporto italiano; 
  • D.N.I. rilasciato da non più di 10 anni, con indirizzo aggiornato; (o in alternativa, per chi non possedesse DNI con le caratteristiche su descritte, “Cédula del Mercosur" in corso di validità, e con indirizzo aggiornato).
  • 2 fotografie uguali, formato tessera NON digitali, a colori, su fondo bianco, che ritraggano il viso di fronte, a media distanza e con l’arco sopraccigliare scoperto; 
  • eventuali atti di stato civile necessari ad aggiornare la posizione personale (vedi pagina stato civile).



Richiedenti con figli minori di anni 18

Nel caso in cui il richiedente abbia figli minori di anni 18 (la maggiore età secondo la legge italiana) è necessario acquisire l’autorizzazione (atto di assenso) dell’altro genitore, a prescindere dallo stato civile del richiedente (celibe/nubile, separato o divorziato). In caso di decesso di uno dei genitori, è necessario presentare l’atto di morte dello stesso.
L’assenso può essere manifestato per iscritto in una delle seguenti forme:
• personalmente presso questo Consolato Generale;
• personalmente presso un qualsiasi Ufficio della Pubblica Amministrazione Italiana (abilitato ad autenticare firme);
Le ragioni che possono essere addotte per negare l’assenso sono quelle legate al mancato rispetto degli obblighi alimentari e di mantenimento dei minori.
In tutti gli altri casi, in assenza dell’assenso dell’altro genitore, il Console Generale, nella sua veste di Giudice Tutelare dei minori residenti nella sua Circoscrizione Consolare, potrà, dopo aver effettuato una serie di accertamenti, valutare se autorizzare, con apposito Decreto Consolare, il rilascio del Passaporto al richiedente. 


Richiedenti minori di anni 18

Per il rilascio di Passaporti a minori di anni 18, è necessario l’assenso di entrambi genitori espresso in una delle forme elencate al punto precedente.

Il passaporto avrà validità di 3 anni per i minori da 0 a 3 anni, e di 5 per i minori di età compresa fra i 3 e i 18 anni.

E’ SEMPRE necessaria la presenza personale del minorenne per il quale si richiede il Passaporto, munito di: 
-  ultimo passaporto italiano (qualora già titolare di precedente passaporto; qualora invece il minore fosse stato inscritto su uno o entrambi i passaporti dei genitori, occorre vengano presentati quei passaporti, anche se già scaduti o annullati)
- D.N.I. rilasciato da non più di 10 anni, con indirizzo aggiornato;
(o in alternativa, per chi non possedesse DNI con le caratteristiche su descritte, “Cédula del Mercosur" in corso di validità, e con indirizzo aggiornato).
- 2 fotografie uguali, formato tessera, (NON digitali), a colori, su fondo bianco, che ritraggono il viso di fronte, a media distanza e con l’arco sopraccigliare scoperto.



DOCUMENTI DA PRESENTARE IN CASO DI FURTO O SMARRIMENTO DEL PASSAPORTO

PER TUTTI, RESIDENTI E NON RESIDENTI NELLA CIRCOSCRIZIONE CONSOLARE:
• Denuncia di furto o smarrimento del passaporto, resa presso le locali Autorità di Polizia;
• Documento di riconoscimento con foto ed in corso di validità;
• 2 fotografie uguali, formato tessera NON digitali, a colori, su fondo bianco, che ritraggano il viso di fronte, a media distanza e con l’arco sopraccigliare scoperto;


Ai Cittadini residenti nella circoscrizione consolare
Verrà rilasciato nuovo passaporto, secondo le modalità consuete, previa formale comunicazione, d’ufficio, dell’avvenuto furto/smarrimento alle competenti Autorità italiane.



Ai Cittadini NON residenti nella circoscrizione consolare 

-  Nel caso debbano fare rientro in Italia, senza passare altre frontiere, si procederà al rilascio di un “Documento di Viaggio” con validità per il SOLO rientro in Italia con volo diretto. Questo tipo di Documento può essere rilasciato unicamente ai cittadini nati in Italia e con residenza in Italia (anche se sprovvisti di qualsiasi tipo di documento di identità) 
- Nel caso invece necessitino di nuovo passaporto, perche’ devono attraversare altre frontiere prima di far rientro in Italia, il Consolato provvederà a richiedere all’Autorità Italiana competente per residenza (Questura o Ufficio Consolare) il Nulla Osta e la delega per il rilascio del un nuovo passaporto. Questo sempre e solo se provvisti di un qualsiasi documento di identità.
In entrambi i casi su descritti è utile presentarsi con il biglietto aereo che mostra le successive tappe del viaggio.



AVVERTENZE GENERALI

Il passaporto elettronico NON viene rilasciato in giornata.
Si suggerisce quindi di presentare la richiesta con congruo anticipo rispetto alla data di un eventuale viaggio, anche al fine di dare al Consolato, ove necessario, il tempo per l’ottenimento del nulla osta e delega da parte di Questure o di altri Consolati.

Chi richiede il passaporto ed è residente presso questa Circoscrizione Consolare o prova di essere stato residente in Argentina per più di un anno viene automaticamente iscritto nell’Anagrafe degli Italiani residenti all’estero del proprio Comune di ultima residenza in Italia.

Se non vi ha già provveduto, il richiedente deve aggiornare la propria posizione di stato civile, consegnando a questo Consolato Generale ogni documento utile a tal fine.

Entro giugno 2010 tutti i passaporti elettronici che verranno emessi dovranno contenere, all’interno del microchip, anche i dati relativi alle impronte digitali del titolare. Ogni eventuale conseguente modifica all’attuale sistema di ricezione del pubblico verrà comunicata tempestivamente.

La richiesta di presentare un DNI recente o la “Cedula del Mercosur” aggiornata è dettata da due ragioni:
- La necessità di possedere dati aggiornati per verificare l’effettiva residenza in questa circoscrizione consolare e consentire l’effettivo riconoscimento del titolare; 
-  La necessità di uniformarsi alla legge italiana, in base alla quale i documenti di identità non hanno mai validità superiore ai 10 anni.