Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
consolato_buenosaires

Notarile

 

Notarile


Appuntamento On Line

Si informa che l’Ufficio Notarile di questo Consolato Generale riceve il pubblico esclusivamente attraverso il sistema “Prenota On Line”. Per prendere un appuntamento occorre accedere al Prenota OnLine del Consolato Generale, seguire le indicazioni fornite, scegliendo l'opzione secondo il servizio desiderato.

Al fine di poter offrire un miglior servizio, si prega l'utente di indicare, al momento della prenotazione, il motivo esatto della sua richiesta e, nel caso specifico delle procure, l’oggetto della procura stessa, inviando via mail in formato word a notarile.buenosaires@esteri.it il testo predisposto dal notaio/avvocato italiano.

L'accesso al sistema è disponibile in qualsiasi giorno della settimana ed è possibile visualizzare il calendario con le disponibilità.

Informazioni Generali

Si possono presentare all’Ufficio Notarile, previo appuntamento, i cittadini italiani che risultino essere residenti, in via permanente o temporanea, nella circoscrizione consolare di Buenos Aires.

Nel caso di cittadini italiani di passaggio, l’Ufficio valuterà caso per caso l’effettiva necessità ed urgenza del servizio richiesto.

Gli utenti non in possesso di cittadinanza italiana dovranno rivolgersi ad un Notaio locale (vedi Legalizzazione di firme e conformità di traduzione).

In genere gli atti rilasciati da questo Ufficio sono soggetti al pagamento di diritti consolari di cui alla Tariffa consolare vigente al momento dell’emissione dell’atto.

 

Atti Notarili

Per maggiori informazioni:
http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/AttiNotarili/

Si tratta di atti redatti in lingua italiana per i quali è richiesta la conoscenza della lingua e la presenza fisica del dichiarante, munito di un documento di identità, presso gli uffici del Consolato Generale.

Per la preparazione della documentazione, data la complessità della materia, si consiglia di consultarsi preventivamente con il legale o notaio che in Italia dovrà ricevere l'atto firmato presso l'Ufficio Consolare, per avere da questi indicazioni di massima su eventuali specifici contenuti che l'atto stesso dovrà riportare e farsi eventualmente mandare bozza dei contenuti.

Una volta ottenuto l’ appuntamento sarebbe opportuno inviare (via mail a notarile.buenosaires@esteri.it in formato word) i contenuti relativi agli atti da redigere a cura dell'Ufficio Notarile .


I dati che dovranno essere forniti dagli interessati per la preparazione degli atti notarili, da redigere in forma di "atto pubblico", sono i seguenti:

  • mandante (colui che dà mandato/procura): cognome e nome, luogo e data di nascita, luogo di residenza (città, via/piazza, numero civico), codice fiscale italiano;
  • mandatario (colui che riceve mandato/procura): cognome e nome, luogo e data di nascita, luogo di residenza (città, via/piazza, numero civico), codice fiscale italiano,
  • oggetto dell'atto.

Gli atti notarili possono avere per oggetto:

  1. "Procura Generale" (procura da utilizzare con estrema cautela dati gli ampissimi poteri che conferisce al mandatario): mandante + mandatario + 2 testimoni muniti di documento d’identità valido;

  2. "Procura Speciale"; in quest'ultimo caso specificare se si tratta di:

    a) procura speciale alle Liti: mandante + mandatario (poiché trattasi di un avvocato, fornire anche sede dello Studio legale) + generalità complete o estremi della persona o società contro cui agire;

    b) procura speciale per acquisto o vendita beni immobili: mandante + mandatario + descrizione dell'immobile (ubicazione-composizione) preferibilmente con gli estremi catastali;

    c) procura speciale per acquisto o vendita autoveicoli/motocicli: mandante + mandatario + descrizione del veicolo/motociclo (marca, modello, targa);

    d) procura speciale per acquisto/vendita/scioglimento di società : mandante + mandatario + descrizione della società;

    e) procure speciali per pratiche di successione e/o atti di accettazione/rinuncia relativi a eredità: mandante + mandatario + bene oggetto dell'eredità + generalità complete del "de cujus" (congiunto deceduto), compresi luogo e data di nascita e di decesso, + 2 testimoni muniti di documento d’identità valido;

    f) procura speciale per donazione/accettazione di donazione: mandante + mandatario + beneficiario della donazione + descrizione dettagliata dei beni oggetto della donazione + 2 testimoni muniti di documento d’identità valido;

  3. “Autorizzazione di viaggio a minori”

    Può essere richiesta solo per minori ITALIANI e NON residenti in Argentina. Qualora il minore fosse residente in loco, quindi in possesso di regolare DNI, l’autorizzazione deve essere richiesta davanti ad un notaio argentino.

  4. “Atto di assenso all’emissione del passaporto o carta d’identità”

    Ai fini del rilascio del passaporto di figli minori o dell’altro progenitore residente in altra circoscrizione. Si devono indicare nome, cognome, luogo e data di nascita e domicilio del richiedente il passaporto.

Per maggiori informazioni:

http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/AttiNotarili/Procure.htm

 

Testamenti

Il testamento pubblico è la dichiarazione orale di volontà del testatore resa al funzionario consolare delegato alle funzioni notarili in presenza di due testimoni.

Il testamento segreto, il cui contenuto dunque rimane segreto, può essere depositato presso il Consolato che si limita a ricevere formalmente l’atto e a depositarlo nei suoi archivi.

Il testamento olografo, deve essere scritto integralmente di pugno dal testatore e può essere depositato in ogni luogo, incluso il Consolato, e presso chiunque.

Per maggiori informazioni:

http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/AttiNotarili/Testamento.htm



Autenticazioni

  • Autentica di firma: consiste nell’attestazione da parte del pubblico funzionario della firma apposta in sua presenza. Per procedere all’autenticazione della firma è necessario presentarsi personalmente presso l’Ufficio Notarile con un documento di riconoscimento in corso di validità.
  • Autentica di fotografia: è necessario presentarsi presso l’Ufficio Notarile con tre fotografie uguali ed un documento di riconoscimento in corso di validità.

Per maggiori informazioni:

http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/AttiNotarili/Autenticazione.htm

 

Autocertificazione


È una dichiarazione che l'interessato redige e sottoscrive nel proprio interesse su stati, fatti e qualità personali e che utilizza nei rapporti con la P.A. e con i gestori di pubblici servizi. Nel rapporto con un soggetto privato il ricorso all'autocertificazione è rimesso alla discrezionalità di quest'ultimo.

N.B. Il 1° gennaio 2012 sono entrate in vigore le nuove disposizioni in materia di certificati e di dichiarazioni sostitutive, di cui all’art. 15 della legge 12 novembre 2011 n. 183. A decorrere da tale data i certificati avranno pertanto validità solo nei rapporti tra privati, mentre le Amministrazioni Pubbliche non potranno più chiedere o accettare i certificati, che dovranno essere sempre sostituiti da autocertificazioni.

Le norme sull’autocertificazione si applicano ai cittadini italiani e dell’Unione europea, nonché ai cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia limitatamente ai dati verificabili o certificabili in Italia da soggetti pubblici.

Nel caso vengano riscontrate dichiarazioni mendaci, la falsità negli atti e l’uso di atti falsi sono puniti ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia (art. 76 DPR 445/2000). Il dichiarante inoltre decade dai benefici eventualmente conseguiti grazie a provvedimenti basati su dichiarazioni non veritiere.

Per maggiori informazioni:

http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/Autocertificazione.htm


Legalizzazione di firme e Certificazione di traduzione/copia

La legalizzazione è un requisito essenziale affinché un atto straniero possa produrre in Italia i suoi effetti legali.

Per i Paesi aderenti alla Convenzione dell’Aja del 5 ott. 1961, alla quale hanno aderito anche Italia e Argentina, la legalizzazione degli atti notarili, giudiziari e dello stato civile è sostituita dall’apposizione dell’Apostille.

Tanto la legalizzazione quanto l'Apostille consistono nella attestazione della qualifica legale del pubblico ufficiale (o funzionario) che ha sottoscritto l’atto, e l’autenticità del suo sigillo o timbro.

  •  Legalizzazione firme depositate

Vengono legalizzate le seguenti firme depositate in Consolato:

  • Medici di riferimento 
  • Funzionari del Collegio dei Traduttori di Buenos Aires

L'interessato dovrà presentarsi con l’atto dove risulta la firma e il timbro in originale.

  • Conformità delle traduzioni di atti non rilasciati dallo Stato Civile

     
  1. Dichiarazione e/o Procura sottoscritta davanti a Notaio argentino

L’interessato dovrà presentarsi con l’originale della procura/dichiarazione perfezionata con le seguenti legalizzazioni, apposte nel seguente ordine :

  1. “Colegio de Escribanos”;
  2. “Apostille de La Haya” apposta dal Ministerio de Relaciones Exteriores (situato nella Calle Arenales 819 – Buenos Aires - l’orario di ricevimento può essere controllato sul sito www.mrecic.gov.ar); nel caso di procure sottoscritte davanti a un Notaio dell’Albo dei professionisiti della CABA la Apostille può essere apposta dallo stesso “Colegio de Escribanos”;
  3. traduzione all’italiano (qualora fosse necessario reperire un traduttore si prega di consultare la seguente pagina: www.traductores.org.ar)

Solo dopo aver perfezionato l’atto nel modo suindicato, potrà richiedere la conformità della traduzione.

1. Certificati Medici,

Dovranno essere presentati muniti di legalizzazione del Ministerio de Salud, Apostille rilasciata dal Ministerio de Relaciones Exteriores e traduzione.

2. Sentenze

Dovranno essere presentate munite di legalizzazione della competente , Cámara de Apelaciones , Apostille rilasciata dal Ministerio de Relaciones Exteriores e traduzione.

3. Precedenti Penali

Dovranno essere presentati muniti di Apostille rilasciata dal Ministerio de Relaciones Exteriores e traduzione.

ATTENZIONE

Per conformità di traduzioni di atti di stato civile e naturalizzazione per matrimonio vedi apposita voce.

  • Copia conforme all’originale

L’interessato dovrà presentarsi con l’originale e la copia del documento da autenticare.

Per maggiori informazioni:
http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/TraduzioneLegalizzazioneDocumenti.htm


Attestati Vari (con esclusione del certificato di cittadinanza)

  • Attestato di medesima persona
    L’interessato dovrà presentare originale e copia della documentazione da dove risulta la discordanza (es. certificato di nascita, documento argentino, passaporto, ecc.); l’attestato verrà prodotto in base alle risultanze dei documenti presentati.
  • Attribuzione nome italiano a neonato
    L’interessato dovrà indicare il nome di origine italiano che desidera dare al neonato. Il Consolato rilascerà l’attestato solo dopo aver accertato che il nome che si vuole dare sia veramente di origine italiana;

Codice Fiscale
L’interessato, qualora non fosse iscritto nello Schedario di questa circoscrizione consolare, si dovrà presentare munito di certificato di nascita e di documento di identità con indirizzo aggiornato.


Per maggiori informazioni:
http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/Codice_Fiscale.htm


Rinnovo Patente di Guida Italiana/Conversione

Il rinnovo della patente italiana può essere richiesto ESCLUSIVAMENTE da cittadini italiani residenti nella circoscrizione consolare di Buenos Aires e regolarmente iscritti nell’AIRE, ovvero da cittadini dimoranti all’estero per un periodo di almeno 6 mesi, o da cittadini iscritti nello schedario consolare con procedura avviata di iscrizione nell’AIRE.
La patente, per poter essere rinnovata in Consolato, non deve essere scaduta da oltre 3 anni.
L’interessato dovrà presentarsi munito di un valido documento di identità (DNI, Cédula Mercosur, passaporto e/o carta di’identità italiana), una prova di effettiva residenza nella circoscrizione consolare (quale DNI anche se provvisorio o utenze), Patente guida in originale + 1 fotocopia e certificato medico rilasciato da medico di riferimento di questo Consolato Generale.
Il certificato medico è a pagamento, a carico del richiedente e il costo va corrisposto direttamente al medico.

I medici di riferimento del Consolato sono:

Dr. EDUARDO MANZINI
Callao 492 – 8º “A”
C1022AAR C.A. Buenos Aires
Telefono: 4371-8812
Cellulare: 15  4420-4011

Dr. GUSTAVO MAID         
Julián Alvarez 1869  1414                                          
C1414DSK C.A. Buenos Aires
Telefono: 4866-1978
Cellulare: 15 5341 7025

Per maggiori informazioni:
http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/Autoveicoli_e_Patenti/

Validità della patente Italiana per residenti temporanei

Per circolare temporaneamente in Argentina occorre essere in possesso della patente internazionale (permesso internazionale di guida) accompagnata da quella italiana in corso di validità. La patente o permesso internazionale è un documento per guidare in tutti i Paesi europei ed in alcuni extra-europei. Viene rilasciata dagli Uffici della motorizzazione. Deve essere sempre accompagnata dalla patente italiana in corso di validità. Scopo della patente internazionale è quello di fornire alle Autorità straniere l'esatta interpretazione della patente di guida in possesso del titolare.

Analogamente per brevi soggiorni in Italia (ad esempio per vacanze) è sufficiente munirsi della traduzione ufficiale della patente di guida da esibire a richiesta degli organi di sicurezza italiani. In caso di rientro definitivo, si può guidare in Italia con la patente straniera fino ad un anno massimo dalla data di rientro, dopodiché occorrerà richiedere la sostituzione della patente estera ottenuta in sede di conversione.

Conversione della Patente di Guida italiana in Registro de Conducir argentino per residenti”

Coloro che trasferiscono la residenza dall’Italia all’Argentina possono richiedere la conversione della patente di guida italiana in “licencia de conducir argentina” senza sostenere esami.
La richiesta va presentata alla DIRECCION DE TRANSITO – Av. Coronel Roca 5252 – P.A. orario di ricevimento dalle 8,30 alle 13,00.
L’ufficio riceve solo previo appuntamento via internet www.buenosaires.gov.ar.
Opzione: “Licencias de Conducir” – “Sector Turnos”.

L’utente che desideri procedere alla conversione della sua patente di guida italiana in Argentina, al fine di ottenere l’attestazione contenente i dati della patente di cui e' titolare, dovrà presentare, direttamente o per il tramite di un proprio delegato, apposita istanza presso gli Uffici della Motorizzazione Civile, corredata della documentazione attestante il versamento dell'imposta di bollo e dei diritti previsti da disposizioni di legge.

Poiche' tale attivita' di certificazione non e' legata ne' al luogo di residenza del richiedente, ne' all'Ufficio della Motorizzazione Civile che ha rilasciato la patente, sara’possibile rivolgersi indifferentemente a qualsiasi Ufficio della Motorizzazione sul territorio italiano.

Tale certificato, per avere valore legale, deve essere “Apostillato” in Italia e dovra’ essere tradotto in Argentina da un traduttore giurato. 
Ove richiesto, questo Consolato provvederà ad autenticare la firma del delegante.


I documenti da presentare sono:

Certificato rilasciato dalla Policia Federal attestante il domicilio in CABA;
Passaporto e DNI;
Patente Italiana;
Certificato, rilasciato dall’Ufficio della Motorizzazione italiana che ha emesso la patente, che attesti la validità della stessa. Il certificato, per essere valido in territorio argentino, DEVE essere apostillato in Italia;
Traduzione allo spagnolo, fatta da traduttore pubblico, della patente italiana e del certificato della motorizzazione apostillato.

La patente viene rilasciata a vista e dietro il pagamento di una tariffa il cui costo può essere richiesto al momento della prenotazione.
La validità di tale documento coincide con la scadenza del visto temporaneo di entrata in Argentina.


CONVERSIONE DEL “REGISTRO DE CONDUCIR ARGENTINO” IN PATENTE DI GUIDA ITALIANA

Al fine di poter svolgere presso le competenti Autorita’ italiane le pratiche relative alla conversione della patente argentina in quella italiana, il titolare dovra’ presentare presso la Rappresentanza Consolare della Repubblica Argentina  in territorio italiano:

“Certificado de legalidad” emesso dalla “Dirección de Tránsito” che a suo tempo ha rilasciato la patente guida. Tale Certificato dovrà essere munito di “Apostille de La Haya” apposta dal Ministerio de Relaciones Exteriores (situato nella Calle Arenales 819 – Buenos Aires - l’orario di ricevimento può essere controllato sul sito www.mrecic.gov.ar).
Passaporto argentino in corso di validità e/o DNI + fotocopia;
Certificato di residenza italiano (rilasciato dal Comune competente territorialmente).
La Rappresentanza Consolare argentina provvederà al rilascio di apposito certificato da presentare alla competente Motorizzazione Civile.

Si prega comunque di confermare i requisiti sopra riportati direttamente ai recapiti delle Rappresentanze Consolari Argentine in Italia competente territorialmente in base alla residenza del richiedente:

Consolato Argentino a Milano
Via Agnello, 2 – 20121 Milano.
 +39 02 77729401 (centralino)
e-mail: cmil@mrecic.gov.ar
web: www.cmila.mrecic.gov.ar

Consolato Argentino a Roma
Via Vittorio Veneto, 7 - 00187 Roma
Tel. +39 06 42287023
e-mail: consolato.argentina@tiscali.it
 

RICHIESTE RADIAZIONE DAL PRA (PUBBLICO REGISTRO AUTOMOBILISTICO)

In caso di richiesta di radiazione per definitiva esportazione all’estero l’interessato/avente titolo dovrà presentare all’ufficio consolare i seguenti documenti:

1) Nota di presentazione della formalità:
se in possesso del Certificato di Proprietà, come nota viene utilizzato il retro del Certificato;
in assenza del Certificato di proprietà dovrà utilizzare la nota NP3 C in doppio originale, scaricabile dal sito http://www.aci.it/i-servizi/guide-utili/guida-pratiche-auto.html  La nota deve essere compilata e sottoscritta dall’intestatario/avente titolo.

2) Fotocopia della carta di circolazione estera emessa dallo Stato dove il veicolo esportato è stato reimmatricolato o attestazione di avvenuto ritiro della carta di circolazione italiana a seguito di reimmatricolazione estera rilasciato dalle competenti autorità.  Se il veicolo è stato esportato in un Paese extra Unione Europea, occorre anche la traduzione dei suddetti documenti.

3) Carta di circolazione italiana in originale:
I  Paesi extra UE in alcuni casi possono restituire la carta di circolazione originale italiana.  In tali casi si dovrà presentare la carta di circolazione in originale.

4) Certificato di Proprietà (CdP)/ Foglio Complementare: se il CdP e’ stato ritirato dall’autorità estera che ha reimmatricolato il veicolo, il titolare deve sottoscrivere una Dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui si dichiara che il CdP è stato ritirato dalle autorità estere.

5) Targhe: in caso di radiazione effettuata dopo la re-immatricolazione all’estero non è necessario restituire le targhe originarie italiane. Qualora il titolare presentasse le targhe italiane, perché le Autorità estere le hanno restituite alla parte in fase di re immatricolazione, il Consolato provvede al ritiro ed alla distruzione inviando al PRA una dichiarazione di avvenuto ritiro e distruzione.

6) Titolo di vendita: se la radiazione è presentata da un soggetto non intestatario al PRA dovrà essere allegato il titolo di vendita in originale.

7) Fotocopia documento di identità/riconoscimento

8) Copia della ricevuta del vaglia internazionale o del bonifico bancario.
Per gli importi e le coordinate bancarie si rinvia al sito ACI al seguente indirizzo:

http://www.aci.it/i-servizi/guide-utili/guida-pratiche-auto/esportazione.html

 

Rientro masserizie

L’interessato, cittadino italiano, dovrà presentarsi all’Ufficio Notarile munito della seguente documentazione:

  • cancellazione anagrafica (da effettuarsi presso Uff. Anagrafe del Consolato);
  • Fotocopia del passaporto;
  • Due copie dell’elenco delle masserizie in italiano e due in spagnolo (la traduzione può essere fatta dall’interessato)
  • Dichiarazione sostitutiva attestante il periodo di residenza presso la circoscrizione consolare e il Comune in Italia dove intende trasferire la propria residenza.  Scarica modello da modulistica. (inserire link al modulo ad hoc)

L’interessato, cittadino straniero, che si trasferisce in Italia con apposito visto, dovra’ presentarsi all’Uff. Notarile munito della seguente documentazione:

  • Fotocopia di passaporto + visto;
  • Due copie dell’elenco delle masserizie in italiano e due in spagnolo (la traduzione può essere fatta dall’interessato);

N.B. Chi si è già trasferito in Italia ha un anno di tempo, dalla data in cui ha stabilito la sua residenza, per effettuare l'importazione dei propri beni con esenzione.

Gli attestati doganali sono soggetti al pagamento dei diritti di cui alla Tariffa consolare attualmente vigente.

Per maggiori informazioni:
http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/AssistenzaCittadiniEstero/Rimpatri.htm


Rimpatrio Salme e Ceneri in Italia

Il richiedente, o un suo delegato, dovrà presentarsi in Consolato per effettuare le pratiche relative alla traslazione ceneri/salma in Italia.

Documentazione da presentare:

  • Due atti di morte in originale, di cui uno munito di “Apostille de La Haya” apposta dal Ministerio de Relaciones Exteriores (situato nella Calle Arenales 819 – Buenos Aires - l’orario di ricevimento può essere controllato sul sito www.mrecic.gov.ar) entrambi con relativa traduzione in italiano (qualora fosse necessario reperire un traduttore si prega di consultare la seguente pagina: www.traductores.org.ar) + una fotocopia;
  • Autorizzazione alla tumulazione della salma/ceneri rilasciata dal competente Comune;
  • IN CASO DI CENERI Certificato di cremazione (senza traduzione);
  • IN CASO DI SALMA  Certificato medico (senza traduzione) dove venga indicato che il decesso non è avvenuto a causa di malattia infetto-contagiosa.
    La firma del medico dovrà essere legalizzata dal “Ministerio de Salud”.
    In caso di recente decesso (24/48 ore) si richiede altresì “Certificado de Tanatopraxia” predisposto dalla ditta di pompe funebri dove venga indicato che il corpo è stato trattato secondo le norme internazionali attualmente vigenti.
    Trascorse le 48 ore dal decesso il certificato rilasciato dal medico dovrà indicare, altresì, che la salma è stata sottoposta a trattamento antiputrefattivo mediante introduzione nelle cavità corporee di almeno 500 cc. di formalina, dopo che sia trascorso l’eventuale periodo di osservazione;
  • Indicare compagnia aerea, volo, data di arrivo in Italia e valico di frontiera.

Una volta presentata la documentazione di cui sopra, il Consolato provvede a richiedere via fax al Comune il nulla osta all’ingresso delle ceneri/salma.

La salma o ceneri devono essere racchiuse in duplice cassa. (Consultare ditta di pompe funebri).

Appena ricevuto il nulla-osta all’ingresso da parte del competente Comune, un funzionario del Consolato provvederà all’apposizione dei relativi sigilli e alla consegna del passaporto mortuario con allegato atto di morte legalizzato.

Il passaporto mortuario e la legalizzazione della traduzione dell’atto di morte sono soggetti al pagamento dei diritti di cui alla Tariffa consolare attualmente vigente.


Per maggiori informazioni:
http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/AssistenzaCittadiniEstero/Rimpatrio_Salme.htm


 

Certificato di convalida per i marittimi (endorsement)

L’imbarco di marittimi stranieri su navi italiane avviene a seguito del rilascio di un certificato di convalida (endorsement) su modello antifrode.
Il lavoratore marittimo straniero dovrà presentare alla Rappresentanza Diplomatico-Consolare presente nel Paese che ha rilasciato la certificazione STW78 la presente documentazione:

  • Istanza di richiesta di convalida certificato IMO STCW95 (da compilare su formulario già predisposto “Allegato 14 quater Punto L.1.8 – Modello Istanza Endorsement” reperibile sulla Circolare – Gente di Mare – Serie XIII – Prot. n. 20963 del 17 dic. 2008);
  • Fotocopia del documento di riconoscimento del lavoratore marittimo (Libretto di Navigazione e Documento di Identità);
  • 2 fotografie, preferibilmente uguali a quelle del documento di riconoscimento, del lavoratore interessato alla convalida;
  • Originale e copia del certificato adeguato per il quale si richiede la convalida munito di "Apostille de La Haya” apposta dal Ministerio de Relaciones Exteriores (situato nella Calle Arenales 819 – Buenos Aires - l’orario di ricevimento può essere controllato sul sito www.mrecic.gov.ar)

La Rappresentanza che riceve la domanda rilascerà per accettazione copia vidimata dell’istanza (L.1.8) e procederà al rilascio di convalida del riconoscimento (Endorsement) dopo aver verificato, presso l’autorità del Paese che l’ha rilasciato, l’autenticità e la veridicità del Certificato che abilita il lavoratore marittimo all’espletamento delle funzioni richieste.
La scadenza dell’Endorsement è di 5 anni dalla data di emissione ma comunque non superiore alla data di scadenza del certificato che si riconosce.
Il rilascio dell’Endorsement è soggetto al pagamento dei diritti di cui alla Tariffa consolare attualmente vigente

Per maggiori informazioni:
http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/Navigazione.htm

 

CONFORMITA’ TRADUZIONI DI ATTI DI STATO CIVILE
Possono essere certificate le traduzioni allegate ad atti di stato civile (“partidas” e non “certificados”) in originale: nascita, matrimonio, morte.

Gli atti di stato civile rilasciati da autorità argentine da presentare all’estero dovranno essere muniti di Apostille e solo successivamente tradotti in italiano.

L’Apostille viene rilasciata dal Ministerio de Relaciones Exteriores sito in Calle Arenales 819 – Buenos Aires; l’orario di ricevimento del pubblico è dal lunedì al venerdì dalle ore 08.30 alle ore 13.00.

ATTENZIONE:
Per procedere alla conformità delle traduzioni, se il richiedente non si presentasse personalmente in Consolato invierà in originale una delega a persona di sua fiducia, corredata da copia del documento d’identità argentino dove risulti la residenza in questa circoscrizione consolare.

Si procederà alla conformità delle traduzioni degli atti di stato civile soltanto per coloro che hanno prenotato questo servizio.

 

Informazioni Utili

Di seguito vengono fornite indicazioni relative a pratiche da effettuare presso le competenti autorità argentine senza la necessità di doversi presentare in Consolato.

 

1. APOSTILLE SU ATTI RILASCIATI IN ITALIA

Gli atti rilasciati in Italia (atti di stato civile, procure, sentenze, casellario giudiziario), da valere in Argentina, DEVONO essere Apostillati in Italia presso la Prefettura o la Procura della Repubblica della provincia competente al luogo di rilascio degli stessi. Non è possibile effettuare tale legalizzazione in Consolato.

2. AUTORIZZAZIONI DI VIAGGIO A MINORI

I minori di età doppi cittadini, ovvero cittadini italiani residenti in Argentina (titolari solo di passaporto italiano e DNI), che debbano viaggiare soli o accompagnati da uno solo dei genitori dovranno presentare alle Autorità di frontiera un’ autorizzazione di entrambi i genitori resa davanti ad un notaio argentino.

Se uno dei genitori si trovasse all’estero, dovrà inviare l’autorizzazione di viaggio resa presso le autorità consolari argentine del paese in cui è dimorante.

2. TRASPORTO ANIMALI DI COMPAGNIA

E’ necessario rivolgersi al “Lazareto” di Buenos Aires, che rilascerà la documentazione occorrente.
Indirizzo: Elvira Rawson de Dellepiane (ex Brasil) y José Balbin – Dársena Sur – Puerto de Buenos Aires. Riferimento: a 300 m. dal “Casinò Flotante
Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 15.30
Tel 4362 – 5755 /  4361- 4632.
Mail: www.lazareto@senasa.gov.ar
Entrare nella pagina web www.senasa.gov.ar ed entrare nel link “requisito para viajar con mascotas al exterior” dove vengono fornite informazioni aggiornate sulla documentazione e sui requisiti necessari secondo il Paese di destinazione.

3. “CASELLARIO GIUDIZIARIO” DA PRESENTARE ALLE AUTORITÁ LOCALI.

Il casellario giudiziario è uno dei documenti fondamentali da presentare alle autorità locali per richiedere il permesso di soggiorno in territorio argentino.
L’unica autorità competente al rilascio di tale certificato è il Ministero della Giustizia italiano.
Le persone che debbano presentare questo documento presso un’autorità argentina DEVONO inderogabilmente richiedere il certificato dei carichi pendenti alla Procura della Repubblica del luogo di ultima residenza o di iscrizione AIRE (nel caso di connazionali non residenti in Italia e provenienti da altra circoscrizione consolare extra Argentina).
Affinchè tale atto possa essere valido all’estero deve essere munito di APOSTILLE che viene apposta dalla stessa Procura della Repubblica.

http://www.giustizia.it/giustizia/it/mg_3_3_2.wp

IMPORTANTE: in nessun caso il Consolato può sostituirsi alle autorità preposte al rilascio del casellario giudiziario né all’apposizione dell’apostille.

 

 


151